Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 215.321.808
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Maressovive
STORIA
Il nome di Maresso,secondo l'Olivieri, è derivato, con suffisso "icius" dalla voce Marra: cfr. bell. Mares potrebbe derivare da Maressch "luogo paludoso", infatti nella valle scorre il torrente e i terreni potevano essere allagati Il nome Maresso appare per la prima volta nell'879, in un documento di conferma all'abate Pietro del monastero di Sant'Ambrogio.

Nuovamente il nome appare nel 1162 in un a investitura data alla chiesa di Monza da Federico Barbarossa dei beni che possedeva in detta località. Maresso era feudo dell'arciprete di Monza che godeva la giurisdizione su molte terre della Brianza.

Le tre pestilenze della seconda metà del 1300 e quella del 1451 avevano dissanguato le campagne tanto che Maresso fu decimato; dopo l'ultima pestilenza, il paese si riduceva a pochissime famiglie.

Nel 1558 Maresso era Comune a sè. In quel tempo contava 71 famiglie e Maressolo 13, nel 1770 gli abitanti erano 147; nel 1788 la popolazione ammontava a 416 abitanti. Il Comune rimase indipendente fino al 1840, epoca nella quale è stato fuso con Contra. Nel 1926 la sede del Municipio fu trasferita a Missaglia. La domanda presentata nel 1946 per la ricostruzione del Comune non ebbe seguito. Fra le frazioni della parrocchia, quella più consistente è Ossola. CLICCA QUI per continuare ...


Articoli correlati