Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.477.694
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 31/10/19

Lecco: V.Sora: 32 µg/mc
Merate: 42 µg/mc
Valmadrera: 32 µg/mc
Colico: 35 µg/mc
Moggio: 68 µg/mc
Gruppo Valle Nava
CHI SIAMO?
Siamo un gruppo di cittadini residenti nel comune di Casatenovo che, davanti ai fenomeni di urbanizzazione e degrado ambientale, vorrebbero adoperarsi per la salvaguardia e la valorizzazione di alcune aree verdi dal significato strategico. In questa prospettiva, la Valle della Nava, estesa lungo il confine che divide i comuni di Monticello, Missaglia e Casatenovo, risulta un corridoio ecologico importante da tutelare e valorizzare attraverso l’istituzione di una zona a tutela speciale e la valorizzazione dei suoi contenuti: il paesaggio, la biodiversità di flora e fauna, la sentieristica. Noi vorremmo preservare questa preziosa area verde per garantire una qualità di vita accettabile anche a chi verrà dopo di noi.

LE NOSTRE RAGIONI
Senza facili allarmismi, rilevando solo i dati di fatto, la Brianza in questi anni sembra essere interessata da un cospicuo incremento delle superfici urbane. Un accresciuto numero di persone che non solo significa maggiori pressioni rispetto alle risorse di un territorio (riserve idriche, consumo di suolo, ec) ma comporta impatti negativi per gli equilibri dell’ambiente in generale (l’inquinamento luminoso, sonoro, chimico, ec). Il modello urbanizzativo consolidatosi in questi anni è quello della “città diffusa”, che si sviluppa apparentemente senza alcun criterio urbanistico: supermercati, aree industriali, agricole e residenza, si intervallano senza una apparente zonizzazione tra usi del suolo diversi. Il paesaggio diventa sempre più edificato, con edificazioni che rispettano sempre meno i canoni minimi di accettabilità estetica ed ecologica e, le singole unità amministrative riescono a fare ben poco per arginare il dilagante disordine urbanistico. Una delle soluzioni per assicurare in futuro una certa qualità del territorio – e, quindi, della vita – sembra l’istituzione di aree volontariamente salvaguardate da destinazioni d’uso improprie. Proteggere e valorizzare un’area verde risulta perciò un atto doveroso soprattutto nei confronti delle generazioni che verranno e pare l’unica via per difendere le peculiarità locali del nostro territorio densamente abitato, ma ancora integro e caratterrizzato da qualità paesaggistiche e naturalistiche indiscutibili. Evitare che la periferia metropolitana cancelli i segni di un passato e di una cultura contadina che, fino a pochi anni fa, caratterizzava la Brianza lecchese è per noi, come abitanti, di grande importanza. CLICCA QUI per proseguire...

ORGANIGRAMMA

Presidente
RENATO TORRIELLI

Vicepresidente
OSEA PENNATI

Segretario
MARTA PICCHI

Tesoriere
ALFIO SALA

Direttivo
FRANCESCO GALBUSERA
FILIPPO PIROVANOALFIO SIRONI

-----------------------------------------------------------------------------


Articoli correlati